Ubuntu Linux on HP Touchsmart tm2 with vgaswitcheroo

I’ve been among the owners of this strange laptop for more than an year, and I only managed some days ago to install Linux on it, mainly because of the hybrid graphics and the cumbersome partition layout. I hope this post can still be useful to someone, despite the laptop was released some time ago. I also apologize for my English.
This guide will list the main steps I took to have Linux on my laptop. I did this with ArchLinux and Linux Mint 12 (Ubuntu 11.10). Later on, you can find links to other helpful guides and resources that provides (and provided me) information about the configuration steps.

The main problems I came across are:

  • Wubi didn’t work, neither its Linux Mint version. The installation log weren’t useful, and I got the same problem while trying to install linux on the Hp laptop of a colleague of mine, so I think the problem is bound to my machine.
  • There’s no room for the Linux partition, because of the four-partition limit of MBR partition layout.
  • Linux has serious problems with the Intel-Ati Hybrid Graphics, and if not configured will sometimes fail at boot, or boot with the backlight off, your computer will have a significantly shorter battery life and will get hot. This shouldn’t worry you mutch, I don’t think this is a problem unless you are going to use it for hours before fixing it. The installation has to be done in this conditions though.
  • Some minor issues regarding, for example, right click.

Alright then!

Formatting

The partitions you’ll find on your Tm2 are:

| Windows Boot | Windows | Recovery | HP_TOOLS |

We need to delete one, so that we can create an extended partition taking space from the “right” part of the Windows one.

I think the best choice (at least for doing as less work as possible) is to get rid of HP_TOOLS, which is only useful to skin some UEFI diagnostics screens you can access at boot. You’ll be able to retain these functionalities, though, simply making a partition with the same name and contents in another part of the disk.

You can read more about the partition here (or elsewhere on google):

This was enough for me, and since PC’s are to be used, I procedeed formatting. After that, I can still access the recovery screens pressing F2 at boot (it seems from the manual page that’s the only use of HP_TOOLS partition).

Backup the whole content of the HP_TOOLS partition on a folder you’ll put in C or in the recovery partition. We’ll put it’s content back once we finish formatting. That done, from a partitioning program of your choice (for example the free Eaesus Partition Master on Windows) we need to perform the following steps:

  1.  delete the HP_TOOLS partition. Note that we’ll simply leave there unused the 100mb the partition occupied.
  2.  resize C partition so you have unused space on its right.
  3.  Create new partitions in that free space as logical ones. Linux doesn’t need to run from a primary partition, and we’ll take advantage of this capability to create the following logical partitions :
    • a Linux partition, either ext3 or ext4 (it’s more like a placeholder as you will probably format it again installing Linux).
    • a 1GB HP_TOOLS FAT32 partition
    • a 2GB Linux Swap partition.
    • other data partitions as you like.

(i don’t think the order matters, but I’d personally keep the Linux and HP_TOOLS partition close to the beginning of the free space)

Once you created the partitions, you can place the files you backed up in the new HP_TOOLS partition, and reboot to check (can’t see a reason why it shouldn’t) that F2 still works.

Installation

We are now ready to install Linux. Put your favorite distro on a pendrive with Unetbootin or Universal Usb Installer and try installing it. The boot may fail due to the Graphic Card (we can fix this issue only after installation), so be prepared to try a couple of times. If you get a black screen after boot, you can try raising the backlight intensity from the keys on the keyboard.

Once installed

I got no wi-fi out of the box, so you’ll probably have to connect your PC to internet through an internet cable. Once you are on the net, you’ll have to:

  • Be careful not to install the Ati Restricted Drivers, or they will cause your computer to fail on every boot.
  • Install drivers for the wi-fi module

Then we’ve got to take care of the Graphic Card. Before starting, you may want to check:
http://ubuntuforums.org/showthread.php?t=1616327
https://wiki.archlinux.org/index.php/Hybrid_graphics#ATI_Dynamic_Switchable_Graphics
http://www.infty.nl/wordpress/2010/10/ubuntu-on-hp-touchsmart-tm2/

Below I’ll write what I actually did to configure Ubuntu on my laptop:

You can check the status of your Graphic Cards opening a terminal and giving:

sudo cat /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch

followed by your password. It should show you something like this:

0:IGD:+:Pwr:0000:00:02.0
1:DIS: :Pwr:0000:01:00.0

IGD indicates the low-power intel card, DIS the Ati one.
The “Pwr” part you can see in both lines means that both cards are powered on. In the page https://help.ubuntu.com/community/HybridGraphics you can find various commands to switch between the cards.
The easiest thing to do is disable the Ati card at boot. Open a text editor as root and paste the following into the file /etc/rc.local , before the “exit 0” line.

modprobe radeon
echo OFF > /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch
echo 6 > /sys/class/backlight/acpi_video0/brightness

The first line ensures the radeon module is loaded (probably really needed only if you blacklisted it), the second one switches off the currently unused card, the third automatically set the backlight to a medium level, should your pc boot with the backlight off.

Restarting your pc and running “sudo cat /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch” again should give you the following:

0:IGD:+:Pwr:0000:00:02.0
1:DIS: :Off:0000:01:00.0

If you got the same output, you can now happily use your PC with Linux :)

Minor issues

To right-click, you should tap (not press) the touchpad in its very bottom-right corner. You will probably want to change this through synaptics utilities. On Gnome and KDE I was able to obtain a comfortable right click with contemporaneous two or three fingers tap.

I did not test the hdmi. The touch and pen input works out of the box (though you may want to rotate the pen input when rotating the screen as described in the links above)

Annunci

Il social web e la società moderna

Il social web e le sue possibilità

E’ da un po di tempo che provo vari servizi social web e penso che siano uno strumento straordinario per le possibilità che offrono: la facilità con cui si possono conoscere persone interessanti ( vicine o lontane ), le possibità di collaborazione, la possibilità di condividere con il mondo intero i propri pensieri.

Esso dà la sensazione di essere tutti in un grande gruppo, in cui comunicare, collaborare, scherzare, aiutarsi a vicenda

Offre molte possibilità che in real life non ci sono, per tempo, per distanza o per l’inadeguatezza dei vecchi mezzi di comunicazione nelle società moderne.

La società moderna e l’isolamento

A mio parere, in real life non possiamo che tendere a crearci un gruppo di amicizie chiuso e ben delimitato poiché siamo costretti dai mezzi di comunicazione a rivolgerci ad un piccolo numero di persone ed ad isolarci dal resto della società. Si pensi a quando parliamo ad un amico, o comunichiamo via sms: Il nostro messaggio, la nostra influenza, i nostri pensieri arriveranno solo ad una stretta cerchia di persone, oltre alla quale il mondo è indifferente a noi e noi siamo indifferenti al mondo.

Abbiamo così una sorta di isolamento, da non intendersi come “emarginazione sociale”, perché non si intende l’individuo rispetto ad un gruppo di persone, ma l’individuo rispetto al resto della società. Pur essendo parte di un gruppo, della “società” intesa in senso largo, siamo comunque isolati dalle migliaia di sconosciuti che ci circondano, che vivono nella nostra stessa città, che ci vivono accanto in vari momenti della nostra giornata.

Mi ricordo, a tal proposito, un film, ( raccontato dal prof di fisica al prof di chimica mentre facevamo compito in classe ). La trama non è un granché ma il messaggio è semplicemente fantastico:

Ogni giorno siamo, volenti o nolenti, isolati dal resto del mondo, dalle persone e dalla realtà che ci circonda, ogni giorno siamo, in autostrada, come in autobus, per strada, al lavoro, chiusi ognuno nella propria scatola di latta ( che sia bloccata nel traffico o delimitata da 4 muri ), nella realtà che noi stessi ci costruiamo.

Siamo inconsapevoli ed indifferenti alle vite delle migliaia di  perfetti sconosciuti che ci passano accanto o che occupano il posto accanto al nostro ai blocchi di partenza ad un semaforo. E’ quasi paradossale, così vicini eppure separati da centinaia di barriere fisiche e psicologiche. E le amicizie, gli scontri, i conflitti nascono solo quando due vite, due realtà chiuse vengono, per puro caso, a contatto.

Si dice che nei piccoli paesi si conoscano tutti, credo sia una cosa che manca nelle società moderne, sopratuttto in grandi città, dove siamo costretti a ritagliarci i nostri spazi di realtà ed “uccidiamo mentalmente”, con la nostra indifferenza, le centinaia di sconosciuti che ci passano accanto ogni giorno. Perdendo così, inevitabilmente, gran parte del divertimento e delle cose interessanti che questo mondo ci riserva :)
Uno di questi sconosciuti potrebbe rappresentare la soluzione ad un nostro problema, potrebbe avere gusti incredibilmente simili ai nostri, potrebbe essere la donna della nostra vita. Eppure non lo sapremmo mai.

E’ quindi per puro caso, per coincidenza ( o per destino ) che si entra in contatto con quella persona che rappresenterà il nostro migliore amico, la donna/uomo della nostra vita ecc… E’ strano, non trovate?

Il social web e l’approccio indiretto

Per mezzo di questo è facile trovare, contattare e conoscere persone con i nostri stessi gusti e interessi

Ma il social web ha un’altro punto di forza: ci da la possibilità di sbirciare nei gusti, nella personalità delle persone senza chiedere loro il permesso, o, almeno senza approcciarli direttamente.

Credo che sia proprio questo approccio indiretto a fare la fortuna del social web, si può parlare di se al mondo intero senza rivolgersi a nessuno in particolare, si puo comunicare interesse verso un’altra persona abbonandosi al suo profilo (follow), ascoltando quello che ha da dire al mondo. Il bello tuttavia inizia quando una persona, notando di essere seguita, spinta da curiosità o da affinità di interessi, ricambia il follow, immischiandosi così gradualmente ognuno negli affari degli altri nasce quindi un simpatico “rapporto indiretto” che può gradualmente trasformarsi in amicizia.

Ma non si pensi al social web solo come rifugio dei timidi, il social web è si un grande strumento per conoscere o farsi conoscere , per comunicare e scambiarsi idee.

Il social web è un ambiente di condivisione, una sorta di grande piazza, il grande foro romano dei nostri giorni, che permette nuovi livelli di interazione tra persone, e credo rappresenti la soluzione all'”isolamento” tipico delle società moderne.

Guida all’installazione di TA spring su Windows e Linux

Buongiorno a tutti, dopo il periodo molto stressante di chiusura della scuola, riesco finalmente a trovare il tempo e la voglia di scrivere su questo blog.

Scrivo quindi la guida all’installazione del ( secondo me ) miglior gioco RTS gratuito disponibile per Windows e Linux : TA Spring.

TA Spring è un clone Opensource e 3D del gioco Total Annihilation ( a cui giocavo all’età di sei anni ), il gioco punta tutto sul multiplayer, presenta un’ottimo sistema di stanze e server online che rende semplice trovare sfidanti e gettarsi subito nelle partite online. Al contrario, non si può dire esista una vera modalità singleplayer poiché l’unica possibilità offerta ai “solitari” è giocare una partita ( identica a quelle online multiplayer ) contro un Bot.Star Wars Spring

Il gioco si può dire composto di 3 parti : Il motore grafico ( lo Spring Engine ), la lobby multiplayer, ed i mod. Infatti il gioco, pur usando di default i mod derivati da Total Annihilation, può essere giocato con qualsiasi altra mod prelevabile dal sito, come quella relativa a Star Wars

Se ancora non vi ho convinto gustatevi questo trailer ( non ho trovato di meglio, se cercate su youtube troverete sicuramente dimostrazioni migliori ) :

Ed ora passiamo alla guida di installazione!

Su windows:

Basta scaricare il regular installer da questa pagina ed eseguirlo

ATTENZIONE: se avete una connessione lenta non selezionate le mappe in fase di installazione, ogni mappa è grande all’incirca 7-15 mb quindi potrebbe convenirvi mettervi d’accordo con il vostro sfidante su quale mappa usare e scaricare solo quella.

Mappe e mod li potete trovare qui : http://spring.jobjol.nl/subcategory.php?id=1

Su Linux:

Se avete linux dovete far riferimento a questa pagina che spiega l’installazione sulle varie distro.

Riassumo brevemente i passaggi necessari per Ubuntu ( i più esperti possono incollare direttamente gli indirizzi dei repository in sources.list ) :

  • Recarsi in Sistema -> Amministrazione -> Sorgenti Software
  • cliccare sulla linguetta software di terze parti
  • premere aggiungi ed incollare SEPARATAMENTE queste due righe (ubuntu hardy) :
    deb-src http://ppa.launchpad.net/spring/ubuntu hardy main
    deb http://ppa.launchpad.net/spring/ubuntu hardy main
  • così facendo abbiamo aggiunto ad apt il repository di TA Spring
  • installare tramite synaptic o con un sudo apt-get install da terminale il pacchetto spring e, se volete, le mappe ( come ho detto nella sezione windows, sono parecchio pesanti )

Adesso, indipendentemente dalla distro che usate, sono necessari alcuni passaggi di configurazione.

  • Avviate lo Spring lobby ( Applicazioni -> Giochi ), al primo avvio questo vi chiederà se volete creare le cartelle di configurazione di spring nella vostra home e se volete scaricare “base-ota-content”, necessario a giocare ai mod derivati da Total Annihilation ( legalmente per scaricarlo dovete possedere il Total Annihilation originale ). Nel mio caso “base-ota-content” è stato scaricato ma non installato, recatevi quindi nella cartella .spring/base/ della vostra home ed estraete il file in modo che la cartella base-ota-content sia dentro .spring/base/ .

    In caso di problemi potete scaricare base-ota-content da qui edit: link corrotto
    scaricare ed estrarre ota content con questi 2 comandi ( su ubuntu )

    wget http://ipxserver.dyndns.org/games/spring/mods/xta/base-ota-content.zip -P ~/spring/base
    unzip ~/spring/base/base-ota-content.zip -d ~/spring/base/
  • Scaricate i mod ( il più usato: Balanced Annihilation lo potete trovare qui ) e metteteli nella cartella .spring/mods della vostra home
  • Tramite lo spring lobby registratevi ai server di spring e loggatevi.
  • Ora siete pronti a giocare online!

Nel caso voleste giocare single player, scegliere single player all’interno dello spring lobby ed aggiungere un bot selezionando come AI “Kai”.

Spero che la guida sia stata utile, nel caso di errori nella guida non esitate a segnalarmeli.

Confronto di 5 distribuzioni livecd – liveusb

In questi giorni mi sono trovato nella necessità di avere un sistema di sviluppo e test php portatile su piattaforma xampp, non trovando particolarmente convenienti le soluzioni portatili su windows ho deciso di dare un’occhiata al campo delle distro live. Ho quindi stilato una lista di caratteristche essenziali per l’uso che avrei dovuto farne, ho preso in prova le principali distro live e le ho comparate
I risultati li potete leggere di seguito:
Parametri in considerazione
  • facilità di personalizzazione (remastering) facilità con cui si può modificare e ricostruire il livecd. E’ molto importante la presenza di script che permettono di ottenere una nuova live con i programmi installati direttamente dal livecd ( Live-Remastering)
  • Persistenza – fare in modo di poter salvare il lavoro ed i cambiamenti fatti su live senza dovere effettuare remastering, utile per portarsi il lavoro d’appresso
  • Prontezza all’uso, velocità di avvio e driver preinstallati ( senza richiedere download aggiuntivi)
  • Programmi inclusi nel livecd
  • Facilità d’uso, distro su cui sono basati, cura nell’ambiente grafico
Inziamo analizzando le distro in questa classifica da quella che ritengo più inadatta alla migliore
  • Ubuntu 8.04 La distro più apprezzata del momento purtroppo mal si appresta ad un uso come livecd-liveusb ( non è questo lo scopo per cui è concepita ), non include tool per creare facilmente la persistenza, il remastering si fa solo tramite UCK, che benché resti un’alternativa valida, non può reggere il confronto con la comodità delle soluzioni live-remastering implementate dalle altre distro. Si aggiunge il fatto che né driver né codec proprietari sono installati, richiedendo una connessione internet anche per ascoltare un mp3. Voto : 6
  • Dreamlinux 3.1Basata su debian ( Morphix in particolare ), Dreamlinux implementa il live remastering ed è facilmente installabile come liveUsb su chiavetta. Purtroppo non ha opzioni di persistenza.
    Non mi ha fatto una buona impressione, principalmente per via dell’interfaccia ( che mira anche troppo ad imitare macos, perdendo in semplicità e coerenza )
    Voto: 6Pro: Live-remastering
    Contro: Niente persistenza, interfaccia non immediata
  • Knoppix 5.3.1 Ebbene la prima e forse la più conosciuta distro live non si è dimostrata all’altezza, benché abbia alcuni tool per creare immagini di persistenza ed un’immensità di pacchetti inclusi, non facilità in alcun modo il remastering che si deve fare manualmente tramite un lungo processo. Mi ha dato inoltre l’impressione di essere decisamente poco curata: i menù sono sovraccarichi, le applicazioni messe alla rinfusa e non categorizzate a dovere ( il menù “Lost and Founds” di KDE è strapieno). Si merita a stento un sette :)Pro: Un enormità di pacchetti inclusi
    Contro: No live remastering, poca cura, solo in versione dvd
  • PclinuxOs Minime 2008
    Molto migliorata dalla versione 2007, PclinuxOs si merita un bel secondo posto, ha dalla sua parte la potenza del control center di Mandriva 2007, ed un buon tool per il liveremastering. I pacchetti inizialmente installati sono il minimo indispensabile, in modo da ridurre lo spazio occupato dando spazio alle eventuali rimasterizzazioni, synaptic svolge bene il suo dovere. Il file di persistenza và, ahime, creato manualmente tramite pochi comandi da terminale e può risiedere in qualsiasi partizione. Purtroppo un enorme bug fa si che la persistenza possa essere usata solo sul computer su cui è stata usata per la prima volta ( salva fstab e non lo rigenera ai prossimi avvii trovandolo già nel file di persistenza ), se non fosse per questo non avrei esiterei a definirla “la migliore”, veramente un peccato :(Voto 7
    Pro: Liveremastering, persistenza su file
    Contro: Un bug impedisce la portabilità del file di persistenza
  • MCNLive Secondo me la migliore distro live al momento. Ha degli ottimi wizard per creare la persistenza ( purtroppo solo su partizioni ext3 ) e per essere installata su pendrive. Come PclinuxOs è basata su mandriva da cui eredita il control center, ma rispetto a PclinuxOs manca di alcuni wizard come quello di installazione dei driver video.E’ basata sull’ormai datata Mandriva 2007, non resta che aspettare una versione aggiornata
    Tutto, (a parte apache per un problema di link simbolici ) funziona meravigliosamente bene :)

    Voto: 8

    Pro: Live-Remastering facile, tool per la creazione della persistenza
    Contro: basata su di una versione di mandriva ormai in pensione.

Spero che questa raccolta vi sia stata utile, se avete opinioni o consigli in proposito fatevi avanti :)

Come giocare online ai giochi N64 ( qualcuno ha detto Smash Bros ? )

Sono molti i capolavori del nintendo64 che valgono la pena di essere giocati: pensiamo a Zelda, Mario64, Super Smash Bros… ecc…

Per permettere il gioco online è nata la rete kaillera che attraverso un client integrato nell’emulatore collega due giocatori in 2 diversi computer come se fossero sulla stessa console.

Kaillera è disponibile non solo per N64 ma anche per mame ed altre console.

I principali emulatori N64 che supportano kaillera sono questi ( dovete avere lo stesso emulatore dei vostri amici con cui volete giocare, altrimenti non funzionerà )

  • Project64k – è la versione kaillera del più diffuso emulatore Nintendo64, se volete giocare in rete con sconosciuti questa è la scelta migliore, su windows vista richiede un po’ di smanettamento in più, consiglio gli altri.
  • Mupen64k – versione kaillera dell’emulatore più diffuso in ambiente linux, purtroppo la versione per il sistema operativo libero non supporta kaillera, mi spiace.
  • 1964 – Emulatore molto rinomato, anche se non conosciuto come Project64, è ottimo per i sistemi meno recenti, include kaillera nella sua versione standard

In questa guida prenderò in considerazione 1964.

Necessario:

  • Uno degli emulatori di cui sopra
  • La rom del N64 con cui giocare, ricordo che sono illegali a meno che non possiediate il gioco originale, potete reperire le rom su emule.
  • Nel caso vogliate fare il server ( spiego sotto) questo programma

Configurazione dell’emulatore

Una volta installato l’emulatore configuratelo con la vostra configurazione dei tasti ( in caso di 1964 menù Plug-ins -> Imput setting ) e mettete la rom con cui volete giocare nella lista rom ( in 1964 si fa al primo avvio selezionando la cartella in cui avete le rom).

Adesso abbiamo finito di configurare l’emulatore

Preparazione

Potete iniziare fin d’adesso a giocare online in server fatti da altri, ma a causa di impostazioni del router o altri fattori potreste trovarvi impossibilitati a connettervi.

Per non avere nessuno di questi problemi è pertanto consigliato di installare Hamachi ( un programma che simula una rete privata tra voi ed altri computer connessi con hamachi ) quindi scaricatelo ed installatelo scegliendo la versione base gratuita.
Seguendo il wizard del primo avvio scegliete il vostro nome hamachi. Create adesso la vostra rete o connettetevi a quella creata dai vostri amici premendo il secondo bottone da destra.
Finito di configurare la rete potete passare alla configurazione del server.

Configurazione del server

Il server è il computer a cui si collegheranno tutti i giocatori, pertanto dovrebbe essere il computer più potente e con la linea più stabile e veloce. Scelto il computer che farà da server ( ne basta uno) scompattate l’archivio che avete scaricato. Nel caso usiate Hamachi aprite con blocco note il file kaillerasrv.conf e modificate “public=1” in “public=0” in questo modo il server non sarà visibile a tutti ma solo ai computer della vostra rete o a cui avete fornito il vostro ip.
Avviate kaillerasrv.exe e non chiudetelo ma riducetelo ad icona. Adesso il vostro server è pronto e funzionante

Connessione e gioco

Adesso è tutto pronto per giocare, aprite il client kaillera del vostro emulatore ( in 1964 “Net play“ -> “Connect to kaillera server” ) e si aprirà una finestra con una lista di server, adesso andate in “Enter IP” ed inserite l’ip che hamachi ha assegnato al server ( visibile accanto al nome del giocatore che fa da server), il giocatore che ha il server sul proprio computer può inserire “localhost” al posto dell’IP.
Il primo giocatore che entra sul server deve creare il nuovo gioco, clicca quindi “Create new game” e sceglie il gioco. Ricordo che tutti i giocatori devono avere la rom nella loro lista rom ed usare lo stesso emulatore. Una volta creato il gioco, gli altri giocatori devono scegliere il gioco creato e cliccare “Join”. Quando si è pronti per iniziare a giocare, il giocatore che ha creato il gioco sceglie “Start Game”, il gioco si apre automaticamente in tutti i computer e si inizia a giocare!
Per giocare senza rallentamenti consiglio di chiudere tutte le applicazione che generano traffico internet, chiudete quindi tutti i programmi di filesharing
Buon divertimento!

Freeciv 2.1.0 e Freeciv Web

Forse non lo sapete ma io sono un appassionato di storia ( la mia materia scolastica preferita ), e, proprio per questa mia passione spesso nel corso dei miei 15 anni ho provato molti giochi ad ambientazione storica tra i quali lo straordinario ( e il mio preferito) Civilization.

Dopo il mio passaggio a ubuntu mi sono ricordato che esisteva anche un clone OpenSource di Civilization: Freeciv

Ho provato quindi la versione di base di freeciv ( contenuta nei repo di ubuntu) che si presenta così

2.0.9

Non contento di questa versione e vedendoi fantastici screenshot della versione di sviluppo ho deciso di provare anche la 2.1.0

coosì:

2.1.0 beta3

Notate la differenza?

La versione 2.1.0 ha infatti una interfaccia completamente rinnovata, bella vero?

Purtroppo la 2.10 è attualmente in via di sviluppo e alcune funzioni devono ancora essere implementate nella nuova interfaccia ( la beta che ho provato io non permetteva nemmeno di salvare il gioco)

La versione finale dovrebbe uscire ad ottobre.

Ma le sorprese non sono finite, oggi vado sul sito di freeciv e trovo… una versione web!

freeciv web

L’interfaccia e la visualizzazione della mappa ancora non sono un granché ma visti i ritmi a cui cresce il progetto…

Che dire, il gioco è buono, completamente opensource, le regole della partita sono editabili, e con la versione 2.1.0 finale avremo finalmente una versione decente… Iniziate a studiarvi le regole che ad ottobre ci sfidiamo online!

Sito web e screenshot su http://freeciv.wikia.com/wiki/Main_Page 

Impressioni personali su Joomla

Oggi grazie a delle video guide trovate su joomlaitalia.it sono riuscito a vincere la mia naturale repulsione per joomla e ho preso a giocare un po con il sistema, provato ad inserire un articolo, editato i menù ecc… .

Ecco perciò le mie impressioni come drupal user:

  • Il sistema non è difficile ma non esattamente intuitivo ( sarò scemo io), l’installazione è abbastanza semplice anche se i contenuti di esempio rischiano di confondere
  • Manca un modo per scegliere quali contenuti mostrare in una pagina ( in questo campo drupal la fa da signore) e per taggare i vari articoli, anche se è possibile una suddivisione per mezzo di sezioni e categorie
  • Il tutto nel complesso è abbastanza semplice ma i menù della sezione amministrazione sono caotici e ci vuole un po di tempo per prendere confidenza con il sistema
  • Ho avuto dei problemi con i menù per compiere azioni ( nuovo post ecc…) perché, a differenza di drupal sono semplici link a delle pagine speciali che permettono di inserire articoli.
  • Non sono ancora riuscito a capire cosa rappresentano i moduli
  • Può vantare molti plugin commerciali

Vorrei fare un confronto ma preferisco non buttarmi subito nelle conclusioni e approfondire per bene joomla.

A presto!