Riflessione sul nostro piccolo mondo e sul bisogno di giustificazioni per voler bene

Eccomi qui, di nuovo, a provare a scrivere. Riflessione stupida di cui non sono neanche completamente convinto. Ma scriverla mi ha fatto riflettere… magari vale la pena di pubblicare. Via.

La vita, di suo, non è difficile. In fondo, basta respirare.

È però complicata, ingiusta, a volte, rispetto ai nostri desideri. Si respira. Per dire la nostra, per fare la nostra parte, per correre, lavorare. Dare un senso ai nostri respiri è fin troppo semplice, basta darsi degli obiettivi. Validi o meno. Possiamo continuare a percorrere la strada su cui siamo stati posti fin dall’infanzia, vivendo per le sfide e per i suoi obiettivi. È coinvolgente abbastanza.

Chi deve cambiare strada, però… è l’essenziale che cerca. Un essenziale in cui rifugiarsi. Obiettivi da costruire.
Gli uomini non sono complicati, una volta spogliati di quello che hanno, di quello che fanno. Prendete un uomo, mettetelo in un altra città, senza contatti con il passato. Inizierà a costruirsi il suo piccolo mondo.
Ecco, sulla base di che? Di quello che gli serve. Può combattere ambiziosamente per se stesso, per raggiungere i suoi obiettivi. Ma l’unica cosa di cui ha bisogno, un uomo in un mondo freddo, quello per cui combatte, non è altro che affetto. Che sentirsi apprezzati, utili.

Puro e semplice Affetto, si connoti come si voglia, l’Amore. Quello, sì, su cui diciamo in momenti di particolare follia o indottrinamento si basi il mondo. È quello secondo me per cui l’uomo agisce, e quindi, in sostanza… sì, passatemela, è quello su cui si basa il mondo.
Svincoliamo però adesso il termine da quello che è l’amore dei sensi, ci vuole poco. Ecco, chiamiamolo di nuovo affetto. L’uomo non si riduce a puro istinto sessuale, è capace di voler bene, per definizione. Quando si ama, non è per soddisfare dei bisogni fisici. È qualcosa che, ci dice il nostro orgoglio, deve andare oltre. Si può amare, quindi, si può volere bene, provare affetto, indipendentemente dai sensi. Vi rimando ad un post che ho molto apprezzato: l’amore è eretico.

Si può volere bene, fuori dalle ipocrisie, alle persone che compongono il Nostro Mondo. Persone, obiettivi, di cui ci importa. Amici o avversi. La nostra vita, piccola. E il nostro mondo, piccolo, limitato, come noi. Il mondo, con tutte le fantastiche persone dentro, quello grande, grosso e blu. È il pianoforte di Dio. Noi semplicemente non ci siamo tagliati.

Ci ritagliamo, agendo, un nostro piccolo spazio, un nostro piccolo mondo. Anche solo questo, però, ha un peso enorme sulle nostre spalle, sulla nostra vita. Più vedi il mondo, meno lo conosci. Chi passa la vita girando il mondo non può portarsi in valigia più affetti di quanti ne coltivi un contadino nel suo fazzoletto di terra. Il nostro mondo è piccolo a prescindere. Più cerchiamo di accrescerlo in un senso, più si riduce in un altro. E il resto del mondo, le migliaia di persone ogni giorno in metropolitana, la nostra anima gemella dall’altra parte del mondo… Tagliati fuori, li tagliamo fuori. Dal nostro mondo, dalla nostra vita. Perduti.

E nella vita c’è davvero poco, ce ne sono davvero poche, di Persone che possiamo permetterci di perdere. Ognuna un mondo a sé, ognuna un infinito di possibilità.
La vita ce ne preclude molte, di persone interessanti. E altrettante ne scartiamo noi, dalla nostra selezione.

Ne serve di fede per accettare di vivere così, di perdere così tanto… Fede in un Dio, in un destino, o nella legge universale che ho appreso da un bel libro e riporto qui:

Vivi come ti senti di vivere, fai quello che senti di dover fare. Sii unicamente quello che sei, che vuoi essere. E avrai vicino, per attrazione universale, le persone da cui puoi imparare e che possono imparare da te.

Torniamo alla piccola porzione del mondo alla portata della nostra mano. Torniamo al nostro agire, con l’affetto, come abbiamo detto, come fine delle nostre azioni. Come fine, quindi, le persone stesse.
L’idea che mi sto facendo è che non sia così semplice. Far entrare una persona nel nostro mondo. Semplicemente volerle bene… È un privilegio questo, che è concesso solo e soltato all’amore sensuale, che non necessita di altra giustificazione. Volere bene è una cosa complicata… si può dire che in fondo.

Puoi volere bene una persona. Solo
Se è lì, nel tuo mondo
Esclusivamente
Come
Mezzo.

Tutte le persone a noi intorno, come mezzo per raggiungere i nostri obiettivi. Per superare ostacoli sulla nostra solita strada. Per esplorarne un cantuccio buio. Persone come mezzo anche per raggiungere l’amore, per amare, per essere amati. Come è un mezzo anche l’amicizia.

Per fortuna, alla fine, a questi non più estranei, a queste persone intese come mezzi ci si affeziona…
L’affetto, l’amore esiste. E pur se semplice in sé, in questo mondo, almeno, deve essere giustificato. E poi, se è veramente forte, se è veramente una scelta, diventa indipendente, incondizionato.

Certo, nulla ti vieta di fermarla, una persona interessante, per strada, e cercare di attaccare bottone. Però… beh…
Lancio un altro spunto: (Uma Thurman in Pulp Fiction)

I silenzi che mettono a disagio… Perchè sentiamo la necessita’ di chiaccherare di puttanate, per sentirci a nostro agio? E’ solo allora che sai di aver trovato qualcuno di davvero speciale, quando puoi chiudere quella cazzo di bocca per un momento e condividere il silenzio in santa pace.

La questione è simile, credo… almeno come principio. Lascio a voi.

Questo post lo pubblico nonostante i suoi punti deboli. Sennò, beh, non scriverei più.

Riferimenti (e ringraziamenti):

Annunci

4 pensieri su “Riflessione sul nostro piccolo mondo e sul bisogno di giustificazioni per voler bene

  1. Il vero valore di qualcosa che si scrive è la sua capacità di fecondare il pensiero di qualcun altro. In questo senso sono io a ringraziarti per aver sviluppato e contribuito con il tuo post a dare un senso a quello che ho scritto :)

I commenti sono chiusi.