Il social web e la società moderna

Il social web e le sue possibilità

E’ da un po di tempo che provo vari servizi social web e penso che siano uno strumento straordinario per le possibilità che offrono: la facilità con cui si possono conoscere persone interessanti ( vicine o lontane ), le possibità di collaborazione, la possibilità di condividere con il mondo intero i propri pensieri.

Esso dà la sensazione di essere tutti in un grande gruppo, in cui comunicare, collaborare, scherzare, aiutarsi a vicenda

Offre molte possibilità che in real life non ci sono, per tempo, per distanza o per l’inadeguatezza dei vecchi mezzi di comunicazione nelle società moderne.

La società moderna e l’isolamento

A mio parere, in real life non possiamo che tendere a crearci un gruppo di amicizie chiuso e ben delimitato poiché siamo costretti dai mezzi di comunicazione a rivolgerci ad un piccolo numero di persone ed ad isolarci dal resto della società. Si pensi a quando parliamo ad un amico, o comunichiamo via sms: Il nostro messaggio, la nostra influenza, i nostri pensieri arriveranno solo ad una stretta cerchia di persone, oltre alla quale il mondo è indifferente a noi e noi siamo indifferenti al mondo.

Abbiamo così una sorta di isolamento, da non intendersi come “emarginazione sociale”, perché non si intende l’individuo rispetto ad un gruppo di persone, ma l’individuo rispetto al resto della società. Pur essendo parte di un gruppo, della “società” intesa in senso largo, siamo comunque isolati dalle migliaia di sconosciuti che ci circondano, che vivono nella nostra stessa città, che ci vivono accanto in vari momenti della nostra giornata.

Mi ricordo, a tal proposito, un film, ( raccontato dal prof di fisica al prof di chimica mentre facevamo compito in classe ). La trama non è un granché ma il messaggio è semplicemente fantastico:

Ogni giorno siamo, volenti o nolenti, isolati dal resto del mondo, dalle persone e dalla realtà che ci circonda, ogni giorno siamo, in autostrada, come in autobus, per strada, al lavoro, chiusi ognuno nella propria scatola di latta ( che sia bloccata nel traffico o delimitata da 4 muri ), nella realtà che noi stessi ci costruiamo.

Siamo inconsapevoli ed indifferenti alle vite delle migliaia di  perfetti sconosciuti che ci passano accanto o che occupano il posto accanto al nostro ai blocchi di partenza ad un semaforo. E’ quasi paradossale, così vicini eppure separati da centinaia di barriere fisiche e psicologiche. E le amicizie, gli scontri, i conflitti nascono solo quando due vite, due realtà chiuse vengono, per puro caso, a contatto.

Si dice che nei piccoli paesi si conoscano tutti, credo sia una cosa che manca nelle società moderne, sopratuttto in grandi città, dove siamo costretti a ritagliarci i nostri spazi di realtà ed “uccidiamo mentalmente”, con la nostra indifferenza, le centinaia di sconosciuti che ci passano accanto ogni giorno. Perdendo così, inevitabilmente, gran parte del divertimento e delle cose interessanti che questo mondo ci riserva :)
Uno di questi sconosciuti potrebbe rappresentare la soluzione ad un nostro problema, potrebbe avere gusti incredibilmente simili ai nostri, potrebbe essere la donna della nostra vita. Eppure non lo sapremmo mai.

E’ quindi per puro caso, per coincidenza ( o per destino ) che si entra in contatto con quella persona che rappresenterà il nostro migliore amico, la donna/uomo della nostra vita ecc… E’ strano, non trovate?

Il social web e l’approccio indiretto

Per mezzo di questo è facile trovare, contattare e conoscere persone con i nostri stessi gusti e interessi

Ma il social web ha un’altro punto di forza: ci da la possibilità di sbirciare nei gusti, nella personalità delle persone senza chiedere loro il permesso, o, almeno senza approcciarli direttamente.

Credo che sia proprio questo approccio indiretto a fare la fortuna del social web, si può parlare di se al mondo intero senza rivolgersi a nessuno in particolare, si puo comunicare interesse verso un’altra persona abbonandosi al suo profilo (follow), ascoltando quello che ha da dire al mondo. Il bello tuttavia inizia quando una persona, notando di essere seguita, spinta da curiosità o da affinità di interessi, ricambia il follow, immischiandosi così gradualmente ognuno negli affari degli altri nasce quindi un simpatico “rapporto indiretto” che può gradualmente trasformarsi in amicizia.

Ma non si pensi al social web solo come rifugio dei timidi, il social web è si un grande strumento per conoscere o farsi conoscere , per comunicare e scambiarsi idee.

Il social web è un ambiente di condivisione, una sorta di grande piazza, il grande foro romano dei nostri giorni, che permette nuovi livelli di interazione tra persone, e credo rappresenti la soluzione all'”isolamento” tipico delle società moderne.

Annunci

3 pensieri su “Il social web e la società moderna

I commenti sono chiusi.